Los Angeles

Di solito, quando una persona trasloca in un nuovo Paese, c’è uno shock culturale. Perché il nuovo Paese è molto diverso dal suo Paese dorigine. Questo era vero per me quando ho traslocato in Italia. Ho abitato in America per 45 anni. In particolare, ho vissuto a Los Angeles. Sono arrivato in Italia lo scorso Febbraio e la mia vita è cambiata molto.  

A Los Angeles la vita è frenetica. Le persone sono sempre in movimento e sempre lavorano. Il traffico è terribile ogni giorno, tutto il giorno. I mezzi pubblici lì sono pochissimi. Frequentemente tante persone pranzano in macchina oppure mangiano allufficio. Volevo una vita più rilassante. Lo stress era troppo per me. Il ritmo della vita è più lento in Europa che in America. Speravo di imparare a rilassarmi.  

Uno dei primi cambiamenti che ho notato in Italia, era che le persone camminano in ogni luogo, ma non negli Stati Uniti. In America guidavo per andare in banca e poi andavo in lavanderia, e poi andavo al supermercato, e poi tornavo a casa.  Sempre nella mia macchina. In Italia cammino per andare al supermercato e porto la spesa a casa mia. E poi esco una seconda volta e vado in lavanderia. Dopo porto i miei vestiti a casa mia, esco una terza volta e cammino per andare in banca. Ma mi piace molto camminare e i negozi sono dallaltra parte della strada.

Sono contento di non guidare a Perugia perché le strade sono piene di curve. Se un negozio è a 2 chilometri da casa mia, guido 8 chilometri perché le strade hanno tante curve. Le strade qui sono come un labirinto. Le strade a Los Angeles, di solito, sono nord – sud o est – ovest.  È più facile orientarsi nella città. Ma è necessario guidare in tutti i posti a Los Angeles perché niente è vicino. Alcuni giorni ho guidato 120 chilometri per andare al lavoro e tornare a casa mia. Qui prendo lautobus a circa 10 chilometri dalla scuola e per tornare a casa mia. Senza guidare lo stress è meno per me.  

Unaltra differenza è il pranzo. A Los Angeles, come ho scritto, il pranzo è corto.  Alcune volte è di trenta minuti, alcune volte non c’è una pausa, ma si mangia e si lavora insieme. In Italia (e credo in tanti altri Paesi), il pranzo è una pausa lunga.  I negozi in America non chiudono per pranzo.  Una persona esce per mangiare e torna. E poi unaltra persona esce per pranzo. Ma c’è sempre almeno una persona che sta lavorando. Neanche i ristoranti chiudono. Questo è un aspetto negativo del capitalismo, secondo me.  I negozi e i ristoranti vogliono quanti più clienti possibili.

Ma qui i pasti sono lunghi e le persone possono parlare. Non è necessario mangiare molto rapidamente. Dopo si può tornare a casa per un pisolino. La vita in America è più orientata al lavoro, ma in Italia è più orientata ai rapporti. Tutti e due sono importanti, ma America è troppo orientata al lavoro e a causa di questo i rapporti stanno soffrendo. Sono contento di essermi trasferito in Italia. Mi piace la mia vita qui molto.

Brian, Los Angeles – California

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...