Geografia

Avevo 12 anni nel 1955 quando andai in un ottimo collegio per ragazze a Istanbul. Cinque anni dopo mi sono diplomato al liceo. Tutti gli insegnanti erano donne e molto severe con le regole. Era un un collegio di scuola pubblica e aveva anche studenti diurni. Studenti diurni hanno portato più energia al mondo esterno.

La mia famiglia viveva molto lontana (tre giorni di treno) da Istanbul; quindi la scuola era la mia casa d’inverno, quasi 9 mesi senza vedere i miei genitori, solo d’estate ero a casa per 3 mesi. Il primo anno ho pianto molto, mi mancavano mia madre, mio padre, le mie sorelle e la mia casa. I miei genitori volevano che frequentassi una buona scuola in modo che dopo il liceo potessi andare in un’ottima università. La scuola era conosciuta tra gli accademici. Un sacco di compiti. Molte ore di studio.

Mio nonno, che viveva a Istanbul, era l’unica famiglia che avevo nelle vicinanze. Mio nonno viveva nella Istanbul europea e la scuola era nella parte asiatica. Potevo fargli visita solo una volta al mese perché il viaggio era lungo. Ho dovuto prendere un tram, un treno, una barca e un altro tram per andare dalla mia scuola a casa di mio nonno. Questa è stata un’avventura che non dimenticherò mai. Il viaggio da mio nonno è durato 3-4 ore. (Ora con tre ponti sul Bosforo, puoi fare lo stesso viaggio in 45 minuti).

Durante questi viaggi mensili ho pensato quanto fosse strano che stavo andando dall’Europa all’Asia e tornando durante il fine settimana. Mi chiedevo cosa potrebbe esserci di più lontano che tra l’Asia e l’Europa? Mi ha reso immensamente curioso riguardo al mondo più grande. La geografia era la mia lezione preferita. Potevo usare i libri della biblioteca sulle esplorazioni, anche io avevo un piccolo mappamondo con le contee colorate in diversi colori. Ho immaginato di visitare ogni paese del globo, incontrando persone, lingue, abitudini.

Durante i 5 anni trascorsi a scuola in cui mi sono sentito confinato nei miei movimenti, essendo solo il cortile della scuola, ho sviluppato la curiosità, il coraggio e la sensazione di emozione per esplorare anche se da solo. L’indipendenza che ho acquisito in questi 5 anni me la porto oggi.

Dopo tanti anni, penso che tre eventi che sono con me siano legati ai miei anni della mia scuola.

1.Il mio viaggio mensile tra Asia ed Europa, con mio nonno.
2.Dalla finestra della nostra classe potevamo vedere le Isole della Principessa nel Mar di Marmara. Uno spettacolo bellissimo che mi viene ancora in mente.
3.Una ragazza che era la sorella di un famoso giocatore di football era la ragazza più popolare. Quando il famoso giocatore di football veniva a trovarla, tutte le ragazze impazzivano nel vederlo. Questa è stata la più grande emozione anche per tutti.

Questi cinque anni sono stati i miei tempi tristi, felici e più formativi della mia giovinezza.

Nahide

Nato in Turchia
Vive a Lafayette