Categorie
_

E-peritivo

Da alcuni mesi siamo in balia di una forza microscopica che ha l’arroganza di decidere per noi. Per fermare il contagio ci sono molto regole, perché non c’è un vaccino, dunque dobbiamo avere più pazienza. Non permetterò a nessun virus d’interrompere la mia vita sociale e all’inizio faccio l’aperitivo davanti al computer con la famiglia, i nipoti e gli amici, e-peritivo, è nato un nuovo nome. È il mio trucco per tenere a freno l’angoscia. Dopotutto, tutti sono nella loro stanza, abbiamo poche scuse per non partecipare. Ci sono dei vantaggi nell’e-peritivo. Non devo pagare l’aperitivo per gli altri. Non devo lavare i piatti. Non devo uscire. Gli svantaggi sono più numerosi. In reltà ci conosciamo da venti anni o più ma vedere tutte quelle facce famose in dei rettangoli metteva a disagio. Vedersi bere su uno schermo sembra innaturale, strano. Spettegolare è proibito. Al bar ci si può guadare intorno, ma in una videochat devo tenermi aggiornato. Non c’è nessuno che passa davanti a cui posso dire ‘hey’. È come andare al bar e guadarsi sempre negli occhi. Devo essere molto innamorato per resistere. Mangiare e bere si fa offline sin dall’inizio dell’umanità. La settimana prossima, Lunedi 8 Giugno, le misure di contenimento saranno allentate, nel nostro Paese. Possiamo di nuovo andare al bar, al ristorante e incontrare dieci persone. Il tempo dell’e-peritivo sta per finire ma il nome e-peritivo rimarrà nei nostri ricordi ancora molto tempo. Un po’ come corona, Sars-Cov-12 e Covid 19. Salute!

Guy

Nato in Belgio
Vive a Begijnendijk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *