Categorie
_

Quaranta giorni

L’immigrazione italiana in Brasile è successa dal 1886 al 1914. Durante questo periodo l’Italia ha vissuto momenti di grande difficoltà. Mancava cibo e anche lavoro ai cittadini. Durante l’immigrazione sono arrivati in Brasile circa un milione di italiani. Hanno lavorato e comprato alcune terre a prezzi bassi. Gli italiani immigrati sono arrivati soprattutto nel sud del Brasile negli stati dell’Espirito Santo, São Paulo e Rio Grande del sud. Oggi sono registrati più o meno trenta milioni di discendenti di italiani. La cultura italiana ha influenzato la costruzione della regione metropolitana di São Paulo. Abbiamo imparato ad apprezzare la pizza. Il Rio Grande del Sud diventò uno dei grandi produttori di vino, grazie all’influenza italiana. Gli italiani hanno influenzato la coltivazione del caffè e la produzione del pane. Abbiamo imparato a mangiare pane nei pasti. Per arrivare in Brasile gli italiani rimanevano sulla nave per circa quaranta giorni, in mare, in condizioni precarie. Fondarono la nuova Milano, nel Rio grande del Sud. Hanno influenzato la cucina brasiliana, l’architettura. Nella cucina abbiamo imparato a preparare un dolce chiamato cannoli e un altro pasto salato che si chiama polenta.

Ramalha

Nata in Brasile
Vive in Recife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *