Categorie
_

Un giorno nella mia vita

Un raffreddore è una cosa semplice, ma non oggi. I sintomi sono insignificanti, ma non oggi. I miei amici sono di solito socievoli, ma non oggi. Perché un assassino invisibile è venuto ad abitare con noi. Io sono un medico di base in una città industriale nel centro dell’Inghilterra. Sono in prima linea nella guerra contro il Virus. Ogni giorno, mentre ascoltavo RAI News, sentivo una grande empatia per gli italiani, ma adesso tocca a me.

Come è cominciato? In Dicembre mi sono resa conto dell’epidemia in Cina, che all’inizio mi sembrava essere lontana e limitata. E poi l’esplosione, come uno scoppio d’ira, un maremoto inesorabile. Il nostro stile di vita stava per cambiare, da tutti i punti di vista.

La paura è evidente. Dovevamo modificare gli appuntamenti, dagli incontri faccia a faccia alle visite per telefono. Talvolta mi sembra che sia davvero difficile immaginare un’eruzione cutanea o esaminare un petto a distanza, ma la situazione mi costringe a inventare nuovi modi di vedere e fare. I pazienti con i loro telefonini onnipresenti possono mandarmi una foto dell’eruzione o usano Skype, ma per alcuni pazienti non sono disponibili né un telefonino né un computer. Pazienti malati, possibilimente contagiosi, devono essere esaminati da me; questo implica l’uso di Dispositivi di Protezione Individuale, su cui conto. Penso che sia meno facile trasmettere l’empatia e il calore umano da dentro il PPI, ma prevenire è meglio che curare. Il paziente è il più importante. Mi impegno a prendere una decisione, di corsa.

Il mio lavoro non riguarda soltanto i pazienti. Sono impegnata con l’amministrazione, ad esempio, per scrivere lettere, emails, valutare i risultati delle analisi, comunicare con i pazienti per dare molte spiegazioni. Inoltre devo prendermi cura dell’amministrazione del reparto Diabete. Le mie comunicazioni virtuali non sono solo queste: tutte le lezioni sul diabete devono venire adattate per essere fatte al computer e le mie riunioni devono essere tutte su Skype.

Il nostro mondo cambierà per sempre. Noi abbiamo l’opportunità per fare del nostro meglio in questo periodo di cambiamento.

Jenny

Nata in Inghilterra
Vive a Sheffield

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *