Categorie
_

Un’altra vita

#tecnologia

Quasi un anno e mezzo fa, la Signora Corona è arrivata per la prima volta in Cina. Ha visitato un mercato a Wuhan e si è sentita molto a suo agio lì. Ha deciso di restare un po’ a Wuhan e poi di trasferirsi verso l’Europa ed altri continenti. Come mezzo di trasporto ha scelto i polmoni dell’uomo; sono un mezzo di trasporto molto facile e veloce. Ci vuole poco tempo per fare il giro del mondo.

Il suo messaggio alla gente è molto chiaro: “se continuate a vivere così, nel futuro il pianeta terra non esisterà più”. Bisogna riflettere come si può vivere in un modo più sostenibile e come si può cambiare lo stile di vita. Per stimolare la gente a pensare come cambiare il loro stile di vita, la Signora Corona è molto severa e dice: “non vado via finché non avete pensato ad altri modi di vivere su questa pianeta. Per realizzare questo avete bisogno di un lockdown durante il quale la vita quasi si ferma. I negozi, le scuole dovranno chiudersi, gli impiegati dovranno lavorare da casa, è vietato viaggiare all’estero se non si ha delle ragioni molto importanti. In treno si devono portare le mascherine. Non è più possibile ricevere più di una persona a casa e la sera ci sarà il coprifuoco fino al mattino presto. Ci sarà solo una via d’uscita: potete utilizzare la tecnologia per incontrarvi, per lavorare da casa e per insegnare ai vostri studenti.”

Così, per Irene, segretaria di un manager, la vita è cambiata molto: prima ha sempre lavorato a Deventer per 4 giorni alla settimana. Adesso, lavora da casa ogni giorno. Ha il suo portatile e il suo cellulare e può fare il suo lavoro senza problema. Organizza delle videoconferenze durante le quali vede i suoi colleghi. Trova che è bellissimo poter fare il suo lavoro in questo modo durante la presenza della severa Signora Corona di cui ha un po’ paura. Però, le dispiace che non possa incontrare fisicamente i suoi colleghi e chiacchierare e ridere con loro. Le dispiace che il viaggio in treno non sia più un viaggio rilassante e piacevole. Certo, la tecnologia la aiuta molto a sopravvivere, ma la vita è diventata meno piacevole e più solitaria. Irene trova che è un gran peccato che non possa più andare in Italia per seguire corsi di italiano, la sua lingua preferita. Fortunatamente è diventato possibile seguire corsi di italiano online, con Studio Pensierini, di cui Irene è molto grata. Scrive pensierini, segue webinar interessanti e pratica la sua abilità orale durante gli incontri di conversazione durante i quali si parla della letteratura italiana in rapporto con la vita reale. E anche il suo insegnante di italiano in Olanda può venire a casa sua per parlare con lei in italiano. Nonostante le possibilità che dà la tecnologia, Irene spera che la Signora Corona vada via presto. Allo stesso tempo, lei pensa che la Signora Corona abbia ragione: è importante pensare ad un altro modo di vivere: più sociale, più sostenibile, più sano e meno lussuoso.

PS. In questi giorni, alcuni nemici della Signora Corona stanno arrivando: Signor Moderna, Signor Jansen, Signor Pfizer e Signora AstraZeneca hanno deciso di intervenire perché trovano che la Signora Corona è troppo severa e troppo dura: non tiene abbastanza conto degli anziani e delle persone deboli e vulnerabili, rovina l’economia e le vite dei giovani che vogliono vivere e andare avanti. Speriamo che possano battere questa Signora incalcolabile.

Irene

Nata in Olanda
Vive a Zutphen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *