Gli amici

Tommy era un ragazzo nuovo in città. Lui e i suoi genitori avevano traslocato dalla Florida due settimane dopo la fine dell’anno scolastico. Tommy aveva dodici anni e suo padre era un professore di letteratura all’università. Tommy si sentiva un po’ avvilito dopo il trasloco. Si sentiva smarrito, stralunato perché non aveva amici nella nuova città

Tommy era un avido lettore. Gli piaceva leggere libri come Le avventure di Tom Sawyer, I tre moschettieri, Il giovane Holden e altri. Questi libri erano i libri che gli erano stati raccomandati da suo padre. Spesso si perdeva nei libri. A Tommy non piaceva fare sport, ma gli piaceva raccogliere oggetti della natura come sassi, conchiglie, e foglie cadute.

Vicino la nuova casa abitava un ragazzo chiamato Jeremy; era atletico e aveva dodici anni.

Un giorno, quando Tommy era immerso nel libro Il signore delle mosche sul portico di casa, Jeremy è sbucato dai cespugli come dal nulla. Tommy era ignaro della sua presenza. Ad un tratto, Jeremy ha detto “ciao” a Tommy, ma lui si sentiva un po’ angosciato perché Jeremy era la prima persona con cui parlava nella nuova città. Nonostante l’imbarazzo iniziale, i ragazzi hanno cominciato a parlare. Dopo pochi minuti, i ragazzi erano amici.

E così quell’estate i ragazzi diventarono buoni amici. Jeremy ha iniziato a leggere e gli piaceva leggere. Infatti ha letto molti libri quell’estate e dopo la lettura Tommy e Jeremy parlavano dei libri. Il padre di Tommy aiutava i ragazzi a capire i libri in modo differente. Jeremy era grato per quell’aiuto.

Jeremy aiutava Tommy ad essere più atletico e pensava che a Tommy piacesse esplorare i dintorni. Lo facevano spesso su percorsi diversi e raccattavano delle foglie cadute e altri oggetti della natura. Dopo ogni passeggiata ricercavano informazioni sulle cose trovate. Giocavano a pallacanestro e andavano in bicicletta. Tommy si sentiva grato per la sua amicizia con Jeremy.

Un giorno mentre la pioggia scrosciava, loro erano in bicicletta e andavano in tutte le pozzanghere! Tommy apparteneva alla nuova città. I ragazzi erano spensierati.

Ma quell’estate fu fugace e la scuola è cominciata troppo presto. Tommy non si sentiva angosciato perché conosceva Jeremy. Lui aveva un amico. Ma a scuola le cose erano diverse e qualcosa era cambiato. Jeremy non parlava con Tommy e Tommy era sconvolto e ferito perché Jeremy non gli parlava. Lo vedeva con i suoi vecchi amici nel corridoio della scuola, e i ragazzi non gli parlavano nonostante Jeremy lo vedesse. Tommy aveva un nodo in gola quando mangiava al tavolo da solo. Voleva sparire e si sentiva tradito. A Tommy mancava fare le passeggiate con Jeremy. Dopo aver incontrato Jeremy, il suo interesse per lo sport era cresciuto e questo lo feriva ancora di più.

Jeremy si sentiva orribile, perché voleva parlare con Tommy ma aveva paura. I suoi amici erano molto atletici e a loro non piacevano i ragazzi che non lo erano. Jeremy aveva paura di rimanere solo e sapeva di sbagliare a ignorare il suo amico. Jeremy stava facendo soffrire un’ingiustizia a Tommy e anche lui si sentiva male, perché gli mancava leggere e discutere di libri con Tommy. A Jeremy piaceva Tom Sawyer e aveva delle domande per il padre di Tommy. Jeremy sapeva che doveva affrontare la situazione ma aveva paura di andare contro i suoi amici. Lui aveva paura di essere se stesso con loro. Prima di incontrare Tommy, gli piaceva solamente lo sport. Dopo aver incontrato Tommy, aveva imparato ad apprezzare la lettura e la natura. Un mondo nuovo si era aperto per lui.

Un giorno durante il pranzo a scuola Jeremy ha trovato Tommy a tavola che mangiava solo e lui gli si è seduto accanto. Jeremy si sentiva debole perché i suoi amici lo vedevano. I suoi amici non capivano perché non si era seduto con loro. Jeremy ha osato fare la cosa giusta e si è scusato con Tommy e ha chiesto perdono. Gli ha spiegato la situazione e ha detto che si era sbagliato. Gli ha detto che stava leggendo Le avventure di Tom Sawyer. Il libro era il preferito di Tommy e hanno parlato del libro e della scuola. Erano di nuovo amici! Dopo aver visto Jeremy parlare con Tommy, anche altri ragazzi hanno cominciato a parlare a Tommy. Tommy si sentiva grato a Jeremy per il suo coraggio e Jeremy si sentiva forte. Tommy ha fatto molti amici nuovi quel giorno.

Quella notte Jeremy ha dormito come un sasso. Aveva scelto di fare la cosa giusta e poteva essere se stesso. Questa era una grande lezione e non poteva dimenticarlo.

Quella notte anche Tommy ha dormito come un sasso. Il suo nuovo amico aveva scelto di fare la cosa giusta. Tommy era grato ed era grato per aver incontrato altre persone a scuola. Poteva essere se stesso a scuola e a casa. Era molto contento.

Debbie

Nata negli Stati Uniti
Vive a Scottsdale