Categorie
_

Dora

Fino al 13 marzo 2020 pensavo di sapere bene chi ero. Sicuramente ero Dora, una ragazza greca sulla quarantina, testarda, perfezionista, irrequieta, inquieta. La mia vita è stata una continua corsa: studi, lavori, impegni, viaggi, divertimenti, incontri con gli amici: molti errori, alcune azioni corrette. I miei mi vedevano poco o niente. Ero sempre in giro.

Dal 13 marzo tutto si è rallentato. Sono dovuta, mio malgrado, restare a casa, a causa del coronavirus. Improvvisamente mi sono trovata di fronte a una stanchezza e a un senso di esaurimento senza precedenti. Era il burnout? Forse. Un intorpidimento mi ha invaso, era come se la mia mente si fosse bloccata. E ho perso circa 52 giorni produttivi della mia vita. Non posso dire che erano dei giorni brutti, erano il “niente”. Era come se fossi caduta in coma. Sapete che gli “zombi” possono essere utili a volte? Facevo le faccende domestiche, lavoravo on line, studiavo italiano. Nessuno sospettava che la mia mente si fosse bloccata. Ero una donna della tundra e nessuno se ne accorgeva. Con una vita ridotta al minimo. Semplicemente ero lì. “Un grande successo!”

Con la fine della quarantena sono tornata in me. Di nuovo, all’improvviso. Mi sono messa sulla linea di partenza sussurrandomi “ai vostri posti! Partenza! Via!”. Ho un sacco di lavoro davanti a me ed è difficile perché non sono più tanto giovane. Ho già 45 anni. Ho bisogno di recuperare i giorni perduti e contemporaneamente realizzare i sogni che avevo sacrificato rincorrendo uno stile di vita frenetico. La mia “benzina” non è ancora finita e non la esaurirò velocemente. Ho deciso di rallentare la frenesia e godermi di più la vita. Mi sono resa conto che essere più calma ed ottimista mi aiuterà a rendere l’impossibile possibile. Credo soprattutto di meritare di essere felice. “Pronti! Attenti! Via!”

Dora

Nata in Grecia

Vive ad Atene

2 risposte su “Dora”

Veramente un racconto emozionante! Corto ma intenso di sensazioni e sentimenti. Conoscendoti solo poco, credo che rispecchi il tuo carattere al 100%! Ti meriti l’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *