Categorie
_

Gratitudine

#tecnologia

Prima di questa pandemia, non avevo mai immaginato come la tecnologia potesse darmi una nuova vista sul mio piccolo paese, la gratitudine per la natura, e la serenità.

All’inizio della pandemia, ho avuto bisogno di trovare una fuga da casa. Prima, ho deciso di camminare per tutte le stradine vicino a casa mia e dopo ho scelto gli altri vicoli in qualche quartiere che non conoscevo bene prima di quest’anno. Ho scoperto un’app con cui ho potuto trovare una cartina stradale e una mappa dei sentieri dei parchi, ricordare i miei vagabondaggi, la distanza percorsa, e il tempo trascorso. Sono rimasta sorpresa che la tecnologia, il mio cellulare, diventasse il mio allenatore che mi ha fatto cenno alla natura per vedere gli uccelli, gli alberi e i fiori, lontano dalla televisione.

In estate, è cominciata in California una lunga “stagione di fuoco”. Durante i mesi di agosto e settembre il mio cellulare era una guida non solo per le strade ma anche per l’aria sana. Ogni giorno, soffiava il vento da tutte le direzioni diverse, a volte dagli incendi e altre volte dal mare con l’aria fresca. Ho preso l’abitudine di guardare un’app che mi informava, a tutte le ore del giorno, dove l’aria era la più pulita. È stata la tecnologia che mi ha indirizzato verso le nuove valli o le spiagge dove si poteva camminare senza paura dell’aria pericolosa.

Ora, faccio le passeggiate ogni giorno e continuo a usare la tecnologia per trovare nuovi posti per camminare e anche per identificare gli uccelli e i fiori selvatici che mi danno la tranquillità. Che ironico che la tecnologia mi abbia dato la stima per la natura più vicina a me! Penso a quale tipo di sorpresa mi farà la tecnologia d’ora in poi.

Elizabeth

Nata negli Stati Uniti
Vive a Orinda

1 risposta su “Gratitudine”

Cara Elizabeth,
Il tuo testo mi è piaciuto molto. Grazie per averci dato l’occasione di partecipare alle tue camminate impressionanti. Per me la tecnologia è diventata un ponte con il mondo. (v. testo Ponti)
Un caro saluto dalla Germania, Karin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *