Categorie
_

Il viaggio del 2020

Domani andiamo in vacanza, è deciso. Prima non ci saremmo andati ma sono già sei mesi che non lasciamo il nostro villaggio. Dove andare? Una cosa è certa: non andremo all’estero. Da molti anni ci diciamo che anche il nostro Paese è bellissimo e soprattutto è meglio visitarlo che fare migliaia chilometri, in questi tempi. Dove andare allora? Al mare? Abbiamo sempre amato il mare, le lunghe passeggiate sulla spiaggia ma oggi tutta la gente se ne va e non sopportiamo gli stabilimenti balneari, la spiaggia con tutta quella gente e i bambini che gridano, il brusio delle radio e le regole anti-corona. Noi belgi siamo fortunati. Non dobbiamo nemmeno lasciare il Paese per vivere un’atmosfera del sud. Attraversare il confine linguistico è sufficiente. Esotismo nel proprio Paese. Perché in Vallonia nessun c’è turismo di massa. Allontanarsi è facile, anche prima che arrivasse il coronavirus! Dove dormire? Cercare, trovare un piccolo albergo solo per noi, villaggi abbandonati dai turisti, passeggiate all’aperto, soli, questo esiste o meglio dire esisteva. Oggi tutti restano o stanno nel nostro bellissimo Paese su raccomandazione dei nostri ministri e virologi. E dobbiamo anche mangiare, ora che molti ristoranti stanno lavorando con le prenotazioni, belle sorprese, belle scoperte. Dobbiamo anche indossare una mascherina e rispettare il distanziamento. Tutto il fascino dei piccoli bistrot improvvisamente scomparso. Ed eccoci qui a cercare su Google la perla del nostro Paese. Le ore passano. Che tempo sarà nei prossimi giorni? Dobbiamo iniziare a fare le valigie se vogliamo andare via domani. Perché domani? Non abbiamo trovato dove andare. La macchina è pronta? È ferma da molto tempo, facciamo la spesa in bici.

La serata promette di essere bellissima, il barbecue è pronto, il vino è fresco e le nostre domande non trovano risposte. Allora tutto il resto viene come vengono queste cose, da sé, abbiamo deciso di restare a casa: non ci saranno viaggi nel 2020. Abbiamo molto tempo per pensare a tutte le cose che non abbiamo fatto, a quelle che avremmo dovuto fare e a quelle che faremo quando il virus sarà sconfitto.

Guy

Nato in Belgio
Vive a Begijnendijk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *